Cerca nel blog

martedì 13 marzo 2012

Minusta on kiva asua Suomessa!

Quanto inglese avete imparato dalle canzoni? 
Per me è venuto il momento di ascoltare canzoni finlandesi, leggere il testo, cercare di capirlo e impararlo a memoria canticchiando, così che le parole nuove imparate mi restino bene in mente. 
Quando si parlava di studiare qualcosa, mia nonna diceva sempre, in napoletano: " 'mparatell cantann", cioè "Imparalo cantando". In effetti, si ricordano tante cose se si canticchiano :)
Finora ho raggiunto l'obiettivo di imparare almeno una canzone in finlandese, dall'inizio alla fine. E' stato un po' difficile, il testo è lungo e complesso, ma la canzone è molto bellina ed è diventata subito la mia preferita *_* :


video


mmmmmm.... ....... tornando seria (il che è difficile in questo periodo)....

Mutta mutta... oggi vi parlo di qualcosa di importante nella cultura finlandese: la/il Sisu! Non so che articolo ci voglia in italiano ma vabbè... per me è una donna, quindi dirò "LA" Sisu.
Pare che gli Indigeni siano guidati da questa grandissima forza di volontà, determinazione e perseveranza, che li aiuta a superare le avversità e portare una cosa a termine senza considerare troppo il prezzo da pagare. E' quella determinazione che permette di raggiungere il proprio obiettivo, nonostante gli ostacoli. E' "lo spirito finlandese", coraggio, ferocia e tenacia, capacità di continuare a lottare quando la maggior parte della gente si sarebbe già ritirata. Lottare con la volontà di vincere. 

Ho letto che un esempio famoso della Sisu finlandese si ebbe durante la guerra d'inverno del 1939-1940, quando l’Unione Sovietica, con un esercito di più di 400.000 uomini tentò di invadere la Finlandia. Il paese nordico, schierò tutte le sue forze, circa 100.000 uomini, per resistere all’attacco russo. L’esercito finlandese fece ricorso a tutta la sua determinazione e forza di volontà, resistendo per più di 4 mesi ai violenti attacchi dell’Armata Rossa. Il conflitto si concluse con concessioni economiche e territoriali minime da parti dei finlandesi.


"Se avrai abbastanza Sisu, forse non vincerai sempre, ma sicuramente non perderai mai". 



In quasi un anno e mezzo qui in Finlandia, ho notato taaaanta Sisu, soprattutto nelle persone anziane. Non so se questo sia davvero un esempio di Sisu, comunque quello che ho spesso visto, è che qui le persone anziane cercano a tutti i costi di cavarsela con le proprie forze, anche con mooolta ma mooolta fatica. Tante persone molto anziane, in giro in inverno quando fa molto freddo, che camminano a fatica lentamente sul ghiaccio, che cercano di salire sui mezzi pubblici, sforzandosi di restare anche in piedi se non trovano posti liberi per sedersi. E' vero che gli Indigeni non chiedono mai aiuto, cercano sempre di arrangiarsi e cavarsela da soli. Ed è anche vero che spesso gli Indigeni non offrono neanche il proprio aiuto, se non viene a loro esplicitamente chiesto. 


Situazione 1: Donna anziana sull'autobus, in piedi perchè non c'era nessun posto libero. La donna era molto in difficoltà, ma nessuno si alzava per cederle il posto. La donna era così sorpresa e contenta quando le ho detto di sedersi al mio posto che ha continuato a ringraziarmi per tutto il viaggio, mettendomi anche in imbarazzo perchè non sapevo cosa dire!! Qui sono abituati così... tutti sono indipendenti, da giovani e da vecchi.

Situazione 2: In uno dei miei primi giorni di lavoro (l'anno scorso quando ero appena arrivata), mi capitò di dover sollevare degli scatoloni a momenti più grandi di me. Ero moooolto in difficoltà e nessuno si offrì di aiutarmi, pur vedendomi che da sola avevo poca probabilità di riuscirci. Mi arrabbiai e ci rimasi male perchè nessuno mi aveva considerata, mentre se fossi stata in Italia, si sarebbero fatti in 4 per aiutarmi. A distanza di tempo ho capito che gli Indigeni sono così: o chiedi aiuto, oppure significa che che te la puoi cavare da solo.

Situazione 3: Una ragazza in laboratorio si trovava nella mia stessa situazione di prima, a sollevare degli scatoloni più grandi di lei. Era notevolmente in difficoltà e nessuno l'aiutava, quindi l'ho aiutata io. Ogni volta che aiuto spontaneamente qualcuno, mi guardano come se fossi un'aliena e ringraziano ringraziano ringraziano ringraziano... Ora ho imparato il trucco, offrire aiuto! E tutti mi amano :) 

Sembra che gli Indigeni non abbiano idea dell'aiuto offerto spontaneamente. Loro avranno pure la Sisu, ma secondo il mio pensiero e la mia cultura, un semplicissimo aiuto offerto da un'altra persona, senza volere niente in cambio, ha tutto un altro valore. E a notare il loro stupore e contentezza, forse in fondo in fondo lo pensano anche loro. Ma sono così testardi, inflessibili, rigidi, lineari e logici, che non lo ammetteranno mai.

Quante differenze che ci sono, quante differenze!!!


Saluti da...........



Simona


3 commenti:

  1. Brava, brava....però ti ho fregata, stavolta....io di canzoni in finlandese ne so già più di un paio ...youtube è una vera fonte inesauribile, sotto questo punto di vista! Ed è vero:l'inglese l'ho cominciato a masticare con la musica, e lo stesso dicasi per il finlandese, anche se, ovviamente, non avendo partners per conversare, è difficile mantenere il vocabolario appreso... Buona cantata, allora! XD

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio Simona....ascolta questa....
    In passato, in vacanza in Finlandia ricevetti il diploma di Sauna da alcuni amici finlandesi, e per l'occasione mi è stata regalata una maglietta raffigurante un orso seduto su un enorme nido di formiche dal nome Suomalainen Sisu con una lunga ed a me incomprensibile frase in finlandese. Ne chiesi il significato ma complice qualche birra di troppo diventava molto difficile da parte loro spiegarmelo e mi dissero che l'avrei capito col tempo.
    Era simpatica e la indossai volentieri. Oggi a differenza di anni grazie a te ne ho compreso il significato e ciò mi riempe di orgoglio.
    p.s. ho trovato l'articolo qui http://www.r-collection.com/image_view.php?name=0/laajakuva_101075700_H.jpg
    Kiitti
    Franzo

    RispondiElimina
  3. Questa canzone la so cantare anche io, ehehe...tra l'altro è stata una tra le prime parole indigene imparate ;)
    Io invece ho avuto modo di sperimentare l'aiuto spontaneo da parte di alcune persone finniche, per cui non posso essere proprio d'accordo con te....per quanto riguarda la SISU, eh beh, lor ne hanno un bel po'.

    RispondiElimina