Cerca nel blog

sabato 15 ottobre 2011

Riciclaggio in Finlandia

Salve gente,

benvenuti nel post della munnezz!!

Oggi vi parlo brevemente del sistema di riciclaggio, specialmente delle bottiglie di plastica e delle lattine. In ogni supermercato c'è un contenitore automatico che rende 15 centesimi per ogni lattina, 20 centesimi per ogni bottiglia di plastica piccola e 40 centesimi per ogni bottiglia di plastica grande, sottoforma di scontrino da utilizzare come sconto sulla spesa. Ovviamente non è un guadagno vero e proprio perchè, quando si comprano le bottiglie e le lattine, il prezzo già include quei 15, 20, 40 centesimi (che si chiama "pantti", cioè "pegno"). Ma comunque è un modo per incentivare al riciclaggio e per tenere le città pulite. Succede infatti che alcune persone, per guadagnarci qualcosa, vanno in giro a raccogliere le lattine e le bottiglie lasciate per strada (i raccattapantti!).

Esempi di "pantti":

Bottiglia di plastica grande

Bottiglia di plastica piccola

Lattina (con pubblicità alla Olvi)

Per quanto riguarda il riciclaggio del vetro, ci sono dei contenitori apposta con su scritto "Lasi", cioè vetro. Sono tipo i vecchi bidoni che c'erano una volta in Italia (non ho idea se esistano ancora). Per il resto, ogni palazzo ha all'esterno la propria "zona munnezz" (zona immondizia), con tanti bidoni diversi per la diversa munnezz!

Zona munnezz
Zona munnezz interno
Zona munnezz interno parte 2
Rifiuti misti
Carta e cartone
Contenitori metallici
Rifiuti organici
Giornali, riviste, annunci pubblicitari, buste di lettere

In realtà volevo fotografare anche il contenitore del vetro, ma siccome c'erano i commessi dell'Alepa fuori a fumare, mi vergognavo di andare là a fare la foto, bwahahahahah! 

Dove abitavo in Italia c'è il sistema di raccolta differenziata "porta a porta". Funziona che in giorni della settimana stabiliti c'è da mettere fuori casa diversi rifiuti. Ad esempio, il lunedì si mette fuori la carta e il cartone, il martedì i rifiuti organici, il mercoledì il vetro e la plastica e così via (i giorni li ho inventati). Poi passa un furgoncino e ritira tutto. 
E' un po' noioso dover ricordare cosa si ricicla in quale giorno, la vita è frenetica e le cose a cui pensare sono tante! Poi insomma, se il furgoncino non passa tanto presto a ritirare l'immondizia, è anche un po' brutto da vedere, tutta la spazzatura fuori da ogni casa. Quindi preferisco la "zona munnezz" finlandese, comoda, sotto casa e poco stressante. 

Ei stressiä! XD

Saluti da Helsinki

Sììììmona

3 commenti:

  1. Muahahahahah!!!!! Tra un po' la raccolta porta a porta arriverà anche nella mia zona, solo che io, in campagna, sono fortunata perchè almeno la munnezza la lascio nel giardino.
    Mi ero domandata come riciclassero, i Finlandesi, soprattutto perchè per strada non ho trovato bidoncini per la raccolta differenziata...Credo che la necessità a noi di mettere i bidoncini familiari sia dovuto al fatto che questo tipo di riciclaggio Finladese (che stava anche da noi, per esempio, a Milano,nei condomini era strutturato nello stesso modo) in Italia fallisce perchè la gente, come sempre, tira a fregare e se ne fotte della differenziazione. E quindi, onde dimostrare a tutti il nostro livello di inciviltà, ecco che anche la Nettezza Urbana controlla la nostra munnezza, casa per casa.
    Credo che ulteriori commenti siano alquanto superflui....
    Aurora

    RispondiElimina
  2. Eh già... mi immagino la porta a porta qui in Finlandia, con tutti i sacchi di spazzatura lasciati fuori dalle case e sotterrati da montagne di neve XD

    RispondiElimina
  3. Il vuoto a rendere è uno strumento molto valido, almeno si evita che la gente lasci bottiglie e lattine in giro :) La "zona munnezza" c'è anche in altri stati del nord, anche quella è una buona idea (spazio permettendo...)...sono tutti strumenti che incentivano le persone a differenziare, ma prima di tutto occorre avere la voglia di farlo :)

    RispondiElimina